1938 Il primo dicembre viene inagurato a Firenze il corso biennale di "avviamento o addestramento per giovani dai 14 a 17 anni desiderosi di intraprendere la carriera di cuoco di albergo e ristorante" a cura dell'Ente Nazionale per L'Addestramento dei Lavoratori del Commercio presso "l'Aula Magna della Regia Scuola Aurelio Saffi". Firenze è la terza città ove questo tipo di corso ha luogo. In tutto i corsi di cucina professionale in Italia, compresi quelli di perfezionamento sono, all'epoca, 6.

 

Prima pagina della "Rivista Tecnica Nazionale di Gastronomia pratica ed economica per i cuochi, per le cuciniere ed i buongustai" con la foto della cerimonia di inaugurazione della Scuola Professionale Cucinieri di Firenze (1 dicembre 1938)Roma, 20 febbraio 1939

E' quindi evidente che la scuola alberghiera esisteva già nel primo dopoguerra. Il Direttore era il Cav. Prof. Giocondo Lombardini, fondatore, nel secondo dopoguerra, della nuova scuola Saffi, definita "Scuola Tecnico Commerciale e di Avviamento Professionale Per la preparazione di Camerieri, Cuochi, Portieri, Personale alberghiero di bordo, Segretari di albergo, Hostess ed Esperti di turismo" con percorso di studi biennale per sala bar e cucina e triennale per portineria/segreteria.

 

1952 Il Comune di Firenze istituisce un bando di concorso per erigere l'edificio della nuova scuola nel quartiere di S. Frediano, con ingresso principale da via Zanella. In verità l'Istituto rimase in via S. Agostino.

 

 

Bando di concorso per la costruzione della nuova sede dell'Istituto Saffi.Firenze, 1952

Alla fine degli anni '50 nasce, come sezione staccata del Saffi, la scuola alberghiera di Massa.
Nei primi anni '60 viene elevato a 3 anni anche il corso per sala bar e cucina. Al termine di ogni anno il tirocinio estivo diventa obbligatorio e viene considerato parte integrante per la valutazione degli allievi.

 

Menù per la Cerimonia "Provveditori della Toscana" Firenze, 10 marzo 1964

1966 Novembre: gli allievi del Saffi, con l'allora preside Prof. Moravia e i docenti si prodigano per riportare in condizioni di agibilità la scuola dopo l'alluvione. 1968 Viene introdotto il biennio post-qualifica. 1977 Dato il boom delle iscrizioni, viene aperta la succursale di Via del Guarlone, con i laboratori di sala e cucina. 1982 Chiudono i laboratori di via Mannelli, ormai obsoleti; la cucina dell'epoca è ancora visibile, come cimelio, nella sede di via Del Sarto. Contemporaneamente apre la succursale di Via de' Bruni, da dove originerà, nel 1987, l'Istituto Buontalenti.

Cucina "cimelio" presso l'attuale sede dell'Istituto Saffi

in via Andrea del Sarto

 

1997 La sede viene trasferita in via A. del Sarto. La continua crescita delle iscrizioni rende necessario acquisire altre strutture quali la succursale detta "Casaccia" in Lungarno Aldo Moro e, successivamente, gli spazi attualmente usati per le attività didattiche all'interno della struttura del liceo Gramsci, nel polo scolastico di Via A. del Sarto - via del Mezzetta. 2004 Inaugurata, all'interno del polo di via A. del Sarto - via del Mezzetta la nuova ala dell'Istituto che accoglie i laboratori di ristorazione attualmente ubicati in via del Guarlone.

 

Pianta della nuova ala dell'Istituto
presso il polo scolastico di Via A. del Sarto